Il “caso” Sanna Marin…ovvero quando una premier giovane, bella e intelligente è un insieme di qualità insopportabile per un mondo ancora troppo maschilista.

Sanna Mirella Marin politica finlandese dal 10 dicembre 2019 è il ministro capo della Finlandia. Dal 10 dicembre 2019 è anche vicepresidente del Partito Socialdemocratico Finlandese (SDP).

Membro del Parlamento dal 2015, ministro dei trasporti dal giugno al settembre 2019, è stata proposta sei mesi dopo come nuova Primo Ministro, il che l’ha resa, a 34 anni, la più giovane capo del governo nella storia della Finlandia e la leader del governo più giovane del mondo all’epoca.

In Finlandia continuano a tener banco i video che vedono protagonista la giovane premier Sanna Marin, ripresa in un’inedita versione informale. Nelle ultime ore, infatti, è emerso un nuovo filmato che ritrae la donna in atteggiamenti intimi con un uomo mentre balla nel privè di un club di Helsinki. L’episodio, secondo le ricostruzioni, potrebbe risalire al 6 agosto, nel corso dello stesso fine settimana in cui è avvenuto il party privato al centro del primo video, diffusosi sul web nella giornata di ieri.

In Finlandia, comunque, il caso ha già scatenato forti polemiche, con molti commentatori già schierati dalla parte della premier. Mentre severe critiche sono piovute, invece, da parte delle opposizioni.

Intanto, anche per tentare di spegnere il fuoco della polemica, la prima ministra finlandese ha dichiarato di essersi sottoposta ad un test antidroga. I risultati dello stesso sono previsti per la settimana prossima, secondo quanto segnala la Bbc. “Non ho fatto nulla di illegale”, si è difesa Marin nel corso di una conferenza stampa tenutasi ad Helsinki. “Anche durante la mia adolescenza non ho usato alcun tipo di droga”, ha poi aggiunto Marin, sottolineando di essersi sottoposta al test antidroga per dissipare qualsiasi sospetto circa la sua persona.

La premier finlandese sommersa di critiche per un party, ma Obama rockettaro no: è il pregiudizio maschile che colpisce ancora. Insomma una donna giovane che si diverte è, tutt’ora, in qualche modo scandalosa e provocatoria. Ma non solo, sembra non sia degna di una carica istituzionale, di una di quelle cariche cucite per decenni su misura di uomini di mezza età, dei loro corpi meno sessualizzati e dei loro passatempi più celati, giustificati eppure, spesso, molto spesso, anche meno innocenti.

Perché se, al suo posto, ci fosse stato un uomo, magari uno attempato, di quelli da “cene eleganti”, non solo nessuno ne chiederebbe le dimissioni (figuriamoci) ma farebbe pure la figura del figo, di quello che si sa divertire.

Insomma troppo giovane, troppo bella, troppo sexy, troppo spregiudicata. Il verdetto maschilista è chiaro e immediato: poco seria.

La triste verità è che nel 2022 una donna libera, intelligente e indipendente fa ancora paura agli uomini, non a tutti per carità, soltanto agli uomini-bambini insicuri che cercano di mantenere la loro aura di superiorità patriarcale…peccato siano molti, probabilmente troppi!

Ammettiamolo, una donna “pensante” non piace a questa società sotto sotto ancora patriarcale. Una donna che la sera, invece di cercare su Google le ricette di nuovi piatti da cucinare per la famiglia, legge o esce per divertirsi e rilassarsi mette in soggezione. Se invece di guardare i reality ascolta il telegiornale e ha un bel bagaglio di cultura che vada al di là di chi sia l’ultimo tronista di Uomini e Donne, allora intimorisce gli uomini. Se ha sogni, desideri e voglia di auto realizzarsi o se riesce a sostenere una conversazione mostrandosi preparata, a volte anche più competente del suo interlocutore “maschio”, allora la società patriarcale si sente in pericolo e la condanna.

Nel caso Marin per fortuna, mentre le opposizioni finlandesi sono sul piede di guerra e criticano la premier, molte persone si sono schierate in sua difesa con messaggi di supporto e solidarietà.

In questo senso nelle ultime ore molte donne finlandesi hanno iniziato a pubblicare sui propri account social dei video in cui ballano e si divertono, esattamente come la premier.

Video che vengono pubblicati accompagnati dalla didascalia “Dance with Sanna” e taggando i profili social ufficiali di Sanna Marin. Un’iniziativa che sembra essere nata spontaneamente, in cui le donne rivendicano il proprio sacrosanto diritto a divertirsi.

Scandalizziamoci piuttosto dei politici nostrani, che di fronte all’inconsistenza di pensioni e stipendi, alla fuga di cervelli, alla riduzione di investimenti esteri, al precariato e alla mancanza di sicurezza sul lavoro, al welfare assolutamente insufficiente, all’aumento delle materie prime e dei costi dell’energia, pensano solo ad accaparrarsi una poltrona alle prossime elezioni!

Una tantum
Mensile
Annuale

Contribuisci a tenere in vita questo blog, fai una donazione.

Donazione mensile

Donazione annuale

Scegli un importo

$5.00
$15.00
$100.00
$5.00
$15.00
$100.00
$5.00
$15.00
$100.00

O inserisci un importo personalizzato

$

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: