AAA CERCASI POLITICI VOLENTEROSI E PREPARATI PER GUIDARE L’ITALIA FUORI DALLA CRISI. NO CIARLATANI, CIALTRONI E PERDITEMPO

«Il latino è una lingua precisa, essenziale. Verrà abbandonata non perché inadeguata alle nuove esigenze del progresso, ma perché gli uomini nuovi non saranno più adeguati ad essa. Quando inizierà l’era dei demagoghi, dei ciarlatani, una lingua come quella latina non potrà più servire e qualsiasi cafone potrà impunemente tenere un discorso pubblico e parlare in modo tale da non essere cacciato a calci giù dalla tribuna. E il segreto consisterà nel fatto che egli, sfruttando un frasario approssimativo, elusivo e di gradevole effetto ‘sonoro’ potrà parlare per un’ora senza dire niente. Cosa impossibile col latino.»

Giovannino Guareschi, – “Chi sogna nuovi gerani?” 

L’Italia è da sempre il regno della retorica e dell’ipocrisia dei cialtroni e dei ciarlatani. Il degrado in cui è sprofondato il Paese è tale da sembrare irrimediabile: una crisi economica interminabile, ponti che crollano, spazzatura abbandonata ovunque, la piaga della burocrazia, impoverimento delle famiglie, violenza, mancanza di valori, ignoranza, maleducazione…..

Ma cosa si intende esattamente coi termini “cialtrone” e “ciarlatano”?


E ora diamo un’occhiata al termine “politica”

Accostare l’arte della politica con le parole “cialtrone” e “ciarlatano” stride in modo così evidente che non dovrebbe esserci bisogno di spendere altre parole. Perché una persona che si fa eleggere con lo scopo dichiarato di  rappresentare i valori e gli interessi  dei propri elettori  e dell’intera collettività nazionale non può essere un cialtrone o un ciarlatano, giusto??? Forse…in teoria…ma la realtà purtroppo è molto diversa da ciò che dovrebbe essere. 

A mio avviso un politico che assume una carica per svolgere  un compito importante e pieno di responsabilità, dovrebbe essere anche portatore di valori e di saperi superiore agli altri. Il politico pretende di essere una guida dal momento che viene chiamato a gestire i nostri comuni interessi. E allora com’è potuto accadere che la nostra classe politica di sia rivelata una massa di cialtroni e ciarlatani? Certo non tutti sono soggetti tanto spregevoli da essere sempre intenti a inseguire solo  i propri interessi personali a discapito dell’intera collettività. Mi auguro che la maggior parte di loro sia in assoluta buona fede, e che credano veramente nel compito che stanno svolgendo. Anzi, sono certa che la maggior parte di loro sia convinta di fare veramente gli interessi nazionali e dei propri  elettori, purtroppo mancano i risultati forse per incompetenza e inadeguatezza della classe politica attuale. Chiaramente credo sia sotto gli occhi di tutti che tra i nostri politici si annidano anche soggetti in mala fede, quei cialtroni e ciarlatani di cui parlavo prima, ma mi auguro che siano in netta minoranza.

Comunque sia, guardando gli avvenimenti degli ultimi anni in Italia, possiamo notare come l’attuale crisi abbia radici molto profonde e la responsabilità non è certo imputabile totalmente alla pandemia da Covid19 e alla guerra in Ucraina. È dal 2008 che la situazione nazionale ha cominciato a precipitare incessantemente. 

Aumento della disoccupazione, aumento delle tasse, aumento del debito pubblico, chiusura di moltissime attività produttive, peggioramento dei servizi pubblici, aumento dell’età pensionabile, impoverimento continuo della massa popolare, precarietà del lavoro e caro vita sono piaghe che ci affliggono da molto, troppo tempo. Siamo in caduta libera da anni e nel frattempo i politici che si sono alternati al governo hanno continuato a blaterare circa la presunta fine della crisi e di misure economiche e sociali che avrebbero dovuto far ripartire l’economia. I risultati del loro “impegno” sono visibili a tutti. Viene spontaneo chiedersi se siano veramente consapevoli della realtà in cui si trovano a dover governare e se si rendano conto che la situazione potrebbe sfuggir loro di mano da un momento all’altro. 

La storia dovrebbe insegnare. Anche in generale Cadorna, durante il primo conflitto mondiale, credeva che i soldati al fronte si potessero maltrattare e vincere comunque la guerra, fu però smentito dolorosamente. La sua condotta insensata contribuì al drammatico crollo di Caporetto, frutto dell’offensiva austro-tedesca, che lo colse di sorpresa e lo costrinse a battere in ritirata fino alla linea del Piave, mantenuta, nel caos creatosi anche in termini di comando, solo grazie alla ritrovata tenacia dei soldati italiani.

Di politici superbì, arroganti, prigionieri del proprio ego e dell’ ignoranza ne abbiamo avuti abbastanza, ora sono più che mai cssarie persone preparate e umili per tentare di salvare il nostro bel Paese. C’è ne saranno ancora in giro? Auguriamoci che ci siano, altrimenti non ci sarà salvezza per l’Italia.

Una tantum
Mensile
Annuale

Se ti è piaciuto l’articolo, sostieni questo blog.

Donazione una tantum

Donazione mensile

Donazione annuale

Scegli un importo

$5.00
$15.00
$100.00
$5.00
$15.00
$100.00
$5.00
$15.00
$100.00

O inserisci un importo personalizzato

$

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: