Figli cresciuti in famiglie tossiche

La famiglia non si sceglie ed è solitamente per sempre, però, a volte, è molto complicato portare avanti le relazioni familiari.

Le famiglie tossiche sono famiglie in cui i comportamenti malsani, gli abusi, i conflitti, si manifestano continuamente, tanto da indurre i bambini a ritenere che siano la normalità e, crescendo, avranno una visione distorta delle relazioni interpersonali, dell’indipendenza e dell’amore.

Ci sono molti fattori che possono rendere tossica una famiglia, ad esempio la “manipolazione affettiva”. Parlo di quei nuclei familiari in cui si usano il ricatto emotivo e la manipolazione per ottenere l’affetto degli altri. Un esempio tipico sono quelle famiglie 

in cui il padre e/o la madre parlano male dell’altro genitore con l’obiettivo di formare un’alleanza contro l’altra persona.

In questi casi i figli vengono utilizzati per ferire  il partner senza curarsi degli effetti collaterali possibili o manifesti anche al più comune buon senso.

Sembrerebbe assurdo, eppure accade, lì nel luogo in cui dovrebbe regnare l’amore incondizionato, spesso albergano malumori e dinamiche scorrette, che poi ci portiamo dietro tutta la vita. Questo accade perché ci sono persone che, a causa della loro personalità, del loro carattere o modo di comunicare, feriscono, minacciano gli equilibri e privano di motivazione e autostima.

Tra i componenti delle famiglie “tossiche” spesso si crea uno strano meccanismo per cui i membri si sentono obbligati a stare uniti, non mantengono vivo il vincolo per volontà propria. L’unione non è altro che una presenza molto arida. Una persona cresciuta a contatto con un ambiente tossico, che mina la sua individualità, diventa spesso vittima del bisogno di approvazione. In queste famiglie talvolta si genera una forte dipendenza e un grave danno emotivo. Spesso coloro che crescono in ambienti carichi di elementi distruttivi provano forti sentimenti di inutilità e vivono una situazione molto vicina all’abbandono. In queste famiglie l’emotività viene evitata così come il parlare di essa, ciò non fa altro che alimentare degli scompensi affettivi nei bambini.

Il figlio resiliente è un figlio cresciuto in una famiglia altamente disfunzionale, ma che ha saputo reagire in modo costruttivo avvalendosi della propria determinazione, intelligenza, amore per sé stesso e per la vita, ma non senza dolore.

Da bambino probabilmente era un “non-bambino” ma nessuno ci faceva troppo caso. Bisognava guardarlo bene per vedere la tristezza nei suoi occhi e nessuno lo faceva. Era un bambino molto responsabile, pensava che se fosse stato buono e bravo i genitori lo avrebbero finalmente amato nel modo giusto. Pensava di essere il problema, ma sbagliava, non era lui a essere sbagliato.

Aveva delle fantasie riguardo l’andatesene di casa o si illudeva che i suoi genitori sarebbero “guariti”. Ha imparato a tenersi tutto dentro a nascondere i suoi veri sentimenti. Ma loro avevano bisogno di lui e così era in trappola, sia fisicamente che emotivamente.

Ma c’è una buona notizia: essere cresciuti in una famiglia disfunzionale non significa necessariamente non avere possibilità di vivere una vita sana ed equilibrata. Ci si può rivolgerete a un professionista per avere il supporto psicologico necessario per liberarsi dagli effetti negativi di una famiglia disfunzionale, a un insegnante, a un parente oppure trovare dentro di sé la forza per uscire da questi meccanismi malati. Il primo passo da compiere tra tutti è sicuramente quello di lavorare su se stessi per tutelare la propria salute mentale e l’equilibrio emotivo impostando dei limiti e prendendo le distanze per allontanarsi da una famiglia tossica ed egoista. Impegnarsi per realizzare i propri obiettivi, lavorativi e affettivi, può essere un buon punto di partenza per mettere dei confini con la propria famiglia di origine e vivere la propria vita in modo “sano”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: